martedì 28 febbraio 1995

Cascate in Val di Zocca, prime salite

Le prime salite sul muro di cascate della Val di Zocca, prima dell'entrata del pianone e sotto il Rifugio Allievi-Bonacossa (è rimasto anche il termine "le cascate dell'Allievi").
Per l'occasione esplorativa riesco a scomodare e convincere l'amico Ezio Marlier ed il maestro Gabarrou che era in giro con lui in quel periodo. Il sabato, appena arrivati, saliamo sopra il campeggio al "Couloir per nostalgici" e lo allunghiamo fino in cima con due tiri belli.
Domenica presto, in 4 ore e tanta neve arriviamo sotto le cascate di Zocca.
Una scelta facile se puoi scegliere: la più bella e la più grossa, cioè l'estetica di "Chandelle Gabarrou" (dedicata al suo primo salitore) e la quantità di ghiaccio del muro di "Rampikino mayday" (per il nome chiedere a Ezio il perchè :-)

Le cascate della Val di Zocca (o cascate dell'Allievi)

Gabarrou apre la "Chandelle Gabarrou"
Quantità di ghiaccio su "Rampikino mayday"
Sul secondo tiro di "Rampikino mayday"

Nessun commento:

Posta un commento