domenica 8 marzo 2015

Val di Mello, "Mellothin"



Notata solo una decina di giorni fa, complice lo scarso innevamento con la neve pressata dalle vecchie slavine.
Si tratta di una gola/diedro piuttosto aperta, sulle bastionate rocciose davanti a Cascina Piana, posta a sinistra e più in basso del muro di "Mello's Moon" e appena prima dell'imbocco della Val Temola. Dentro di essa si vedono delle rettilinee righe bianche che formano un'estetica linea ininterrotta, nelle condizioni trovate da noi: ghiaccio stretto e sottile ma scollato solo all'inizio, il resto pastoso e salibile se pur con dovuta delicatezza.
C'è poco misto da fare perché ai lati ci sono generalmente placche di granito slavato, meglio farebbe una scarpetta d'arrampicata piuttosto che i ramponi.
Le soste su nut e friends + chiodi a lama, non lasciati, mentre sulla via è rimasto un nut martellato e un chiodo sulla riga di ghiaccio del settimo tiro, il più impegnativo.
Il resto ci si protegge con friends nelle fessure, a volte sotto la striscia di ghiaccio.
Si scende in doppia a sinistra per una parete con cenge e alberi (5 doppie).
Salita con Giacomo Rovida, apprendista ravanatore (caso raro vista l'età) e davanti alla cordata Tito Arosio, ravanatore professionista e navigato.


Tito sul tratto chiave, settimo tiro
(foto Giacomo Rovida)