lunedì 26 settembre 2011

Porta di Sassersa, "Castroman", via nuova

Oggi con Anna Ceruti il nostro ormai classico andiamo e poi ricambiamo programmi.
Prima di bivaccare sotto la Punta del Lago notiamo una bella parete molto colorata appena prima dei laghi di Sassersa, solcata da regolari fessure e diedri di vario tipo.
Al mattino la scelta è per la via più evidente, anche se scopriremo non la più bella, per quella serviranno molti più friends di grossa taglia.
Il primo tiro con un passo non banale, il secondo molto bello ad incastro con un tetto (VII+/VIII-, fatto 1 resting aprendolo per mettere un chiodo che abbiamo lasciato), terzo ibrido in traverso poi il diedro salito tutto da Anna, disturbato da ciuffi d'erba nella parte alta ma ora più ripulito per salirlo tutto in libera (VII/VII+?).
Un posto da tornarci per almeno altre due vie belle, avvicinamento fattibile in giornata, discesa rapidissima a piedi per il cengione sommitale.
L'ultima immagine del video è un "cazzone" quadrato che non penso sia mai stato salito (ma come si dice in valmalenco, bisogna prima chiedere all'Olivo).



1 commento:

  1. Whueilà!! Belle cose....In quella zona ho aperto anche io qualcosa! Bei ricordi. Ciao! Gig

    RispondiElimina