mercoledì 17 agosto 2011

Torri dei Corni Bruciati, "Il futuro siamo noi", prima salita

Se non fa così caldo qui non si viene (ma chi viene in questi posti?).
La torre più grossa di questa zona di serpentino frantumato, più in alto nel canale rispetto alle torri dove ci sono 5 vie (una mia e di Cristiano Perlini, le altre di Mario Sertori). 
Oggi con Popi Miotti e Moghi (Stefano Mogavero) sette tiri di roccia compatta sui muri e rotta sulle cenge, arrampicata divertente con protezioni e soste clean (16 friends e un mazzo di dadi, chiodi mai piantati).


Moghi prova a cominciare ma incontra bagnato, sabbia e friends che escono...
inizieremo più a destra
tiri centrali, passi boulder e aggiramenti del bagnato

Inizio dell'ultimo tiro, bello anche questo
Le Torri dei Corni Bruciati, 6 vie tracciate ad oggi,
un'ora e mezza a piedi da Predarossa con finale su ghiaione fastidioso

Nessun commento:

Posta un commento